Studio Psicologia FluidaMente

TECNICHE DI RILASSAMENTO

onda fluidamente approccio

Contattaci per ricevere ulteriori informazioni o per fissare un primo colloquio!

Il rilassamento è uno stato di calma e tranquillità caratterizzato dalla mancanza di attivazione psicofisica. In un contesto di vita così frenetico, sempre meno persone si dichiarano “incapaci di rilassarsi”.

Scopo delle tecniche di rilassamento

Le tecniche rilassamento consento alla persona di imparare come lasciarsi andare, diminuendo così la tensione a livello fisico, psicologico ed emotivo. Ciò ha influenze positive sulla percezione dello stress e, dunque, sul benessere e sulla qualità di vita.

rilassamento: Prove di efficacia

L’efficacia di tali tecniche è attualmente dimostrata da numerosi studi. Attraverso le tecniche di neuroimaging si possono infatti osservare cambiamenti dell’attività cerebrale durante l’esecuzione di esercizi di rilassamento. In particolare, le aree maggiormente coinvolte nella gestione degli stati di calma e attivazione sono localizzate nel tronco cerebrale, una regione che si occupa di tutte quelle attività involontarie come la respirazione.

Attraverso il controllo del respiro, infatti, è possibile agire sul Sistema Parasimpatico per modulare la risposta psicofisica allo stress. Per questo motivo molte tecniche di rilassamento attuali sono basate su esercizi di respirazione.

TEcniche di rilassamento: quali sono?

Esistono diverse modalità di indurre uno stato di rilassamento, tutte ugualmente efficaci. La scelta di proporne un tipo piuttosto che un altro dipende dalle caratteristiche della singola persona.

Le tecniche di meditazione orientale, declinate in numerose varianti (da quella zen allo yoga), sono state le primissime forme di rilassamento. Da esse sono state tratte quelle di matrice occidentale, maggiormente adatte al nostro stile di vita, basate principalmente su esercizi di respirazione e di rilassamento corporeo.

  • Rilassamento Muscolare Progressivo: si basa sulle differenti percezioni di tensione e distensione dei distretti muscolari. Utilizza tali sensazioni per insegnare a riconoscere lo stato di attivazione fisica e a distendere i muscoli tesi.
  • Training Autogeno: abbina le tecniche immaginative al rilassamento corporeo. È una forma di autosuggestione che può essere usata in completa autonomia una volta acquisita la tecnica.
  • Biofeedback: si insegna il controllo volontario delle funzioni fisiologiche attraverso l’utilizzo di particolari elettrodi che traducono l’attivazione fisiologica in un segnale visibile e comprensibile.
  • Anche l’auto-ipnosi e la mindfulness, benché non siano tecniche di rilassamento vere e proprie, possono essere utilizzate con l’obiettivo di introdurre uno stato di calma.